Cerca

martedì 1 agosto 2017

Furto al museo Correale Dimissioni subito.

Stamane apro il giornale e la prima notizia che mi salta agli occhi è "Furto al museo Correale  Rubato candeliere prezioso". Un visitatore, vestito in maniera elegante approfittando dell'assenza del personale di vigilanza del primo piano, con fare fulmineo afferra un  candeliere del 700  lo infila sotto la giacca e velocemente guadagna indisturbato l'uscita. Sempre secondo  l'articolo apparso sul quotidiano  “metropolis” si apprende che il furto viene scoperto solo dopo il cambio turno degli addetti alla vigilanza.

Faccio alcune considerazioni: 

1) Il furto è avvenuto nel momento in cui il piano risultava incustodito; in quale museo del mondo un piano resta incustodito? come mai il piano era incustodito? chi erano e dov’erano gli addetti in quel momento al controllo?
2) Gli operatori del Museo Correale si sono resi conto del furto soltanto dopo il cambio turno del pomeriggio. Solo coloro che hanno preso servizio dopo si sono accorti della sparizione del candeliere!!! il piano quindi è rimasto incustodito per molto tempo. Ammesso che gli addetti al controllo fossero rientrati dopo poco tempo hanno fatto il giro delle sale? e il tal caso perchè non se ne sono accorti subito?
3)Il ladro dopo aver lanciato uno sguardo ad alcuni pezzi ha afferrato un candelabro di bronzo di 20 cm di altezza, l'ha nascosto sotto la giacca e se n'è andato. Ma come se n'è andato!!! mica era inverno che uno indossa giacconi ampi  dove è relativamente facile nascondere un oggetto, qua si parla di giacca estiva, di solito molto sottile e attillata. Il candelabro è un oggetto difficile da nascondere, possibile che all'uscita nessuno abbia avuto modo di notare qualche rigonfiamento?
4) Lunedì mattina il direttore del museo si è recato dai carabinieri per esporre il caso  e presentare la denuncia. Stiamo scherzando? Lunedì mattina!!! 48 ore dopo il furto? e  durante queste ore che ha fatto? Ha cercato di appurare se per caso qualcuno lo avesse usato per accendere qualche candela votiva? Roba da non credere.
Tale evento mette in evidenza la totale incompetenza di chi gestisce il museo e dei quali come minimo ci si aspettano  le dimissioni con tanto di scuse.
Ormai il museo è diventato un teatrino, dove vengono organizzati concerti e festicciole di ragazzi, tutto tranne che eventi mirati a promuovere uno dei musei più belli della Campania.
Non si tratta solo del furto, di per se molto grave , di un oggetto prezioso, ma di una tragica realtà che mette in evidenza tutta la pochezza di questa classe dirigente la quale si è macchiata sia di culpa  in eligendo che di culpa in  vigilando.
Dimissioni subito.


Lotito Rosario

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie del commento e della tua opinione